top tartufo in tavola
Torna alla Home Page Mettiti in contatto con noi
  • Coro Clericus: Buona Pasqua!
    Coro Clericus: Buona Pasqua!
    Nella Settimana Santa molte le squadre 'in campo' con suppliche ed invocazioni. Prossimi al traguardo della Pasqua la Missione comune è chiedere aiuto al Signore per sconfiggere il terribile avversario del virus. Padre Adenis: 'Signore, sei il nostro capitano, l?allenatore, il fiato, la forza! Aiutaci in questo momento'
  • Solo Preghiere
    Solo Preghiere
    Non si gioca la prima giornata della Clericus Cup 2020, rinviata a data da destinarsi dopo il decreto ministeriale del 4/3/2020 e le misure in esso contenute in tema di sport e prevenzione del Coronavirus. Recepite dal Csi, che ha sospeso tutte le attività ufficiali fino al 15 marzo 2020
  • Clericus Cup Messa. E poi rimessa in gioco
    Clericus Cup Messa. E poi rimessa in gioco
    Il Mondiale di calcio pontificio del Csi quest'anno comincia in Chiesa
  • La Clericus 'gioca' pregando
    La Clericus 'gioca' pregando
    Domenica delle Palme, verso il traguardo della Pasqua. Arriva la supplica del Sedes Sapientiae. I vicecampioni del Mondiale di calcio della Chiesa pregano di squadra. Ha inizio nella Settimana Santa 2020 il campionato della fede.

Martyrs insuperabili! Urbano ko


pubblicato il 5/11/2013

Nel derby del campanile gianicolense, altra vittoria statunitense che volano in finale superando di misura su rigore i cugini dell?Urbaniania. E? la quarta finale negli ultimi 5 anni per i seminaristi USA, sempre più protagonisti della Clericus
 

 

 

 

 

 

North American Martyrs – Collegio Urbano 1-0    fotogallery

I North American Martyrs, campioni in carica, conquistano la quinta finale nella storia della Clericus Cup. Per piegare un buon Collegio Urbano, nel sentito derby del Gianicolo, hanno dovuto però sudarsela parecchio. A decidere la prima semifinale della giornata con il Cupolone sullo sfondo è stato il rigore dell'australiano Lewi Barakat dopo nove minuti. I biancogialli dell'Urbano hanno provato per tutta la partita a pareggiare, ma si sono dovuti arrendere alla solidità della difesa a stelle e strisce. Anche per questo è rimasto a secco il bomber camerunense Mballa Mebenga, tra i migliori dei suoi. Pesa come un macigno, però, il suo ingenuo fallo di mano in area di rigore che ha provocato il penalty decisivo, siglato dal canguro del PNAC.

Le due squadre si erano affrontate già nel girone eliminatorio, quando gli statunitensi si erano imposti 2-1, con doppietta di Paver, conquistando il primato del girone A e del Gianicolo. Per la rivincita si è scelta una data particolare. All'Urbaniana è infatti giornata di ordinazioni e nel pomeriggio sarà proprio l'allenatore Albert Koetlisi, nato in Lesotho, a diventare diacono. Siede in panchina emozionato e, per l'occasione, la lametta da barba gli ha tagliato implacabilmente il pizzetto. Se lo farà ricrescere, assicura.

La cronaca: il Collegio Urbano sul pronti-via sembra fin da subito più in palla, ma a sbloccare la gara è l'australiano Lewi Barakat dal dischetto, alla Del Piero. Rimane immobile il portiere birmano Thomas Moe Naing, che sostituisce il titolare Malila, in ospedale per problemi respiratori. Rigore netto, per un vistoso fallo di mano di capitan Mballa Mebenga. Il camerunense cerca di farsi perdonare nei minuti successivi ma la difesa americana è attenta. Al 19', dopo un bello scambio in velocità con il papuense guineano Sieland, Mballa Mebenga si accentra dalla sinistra e tira, trovando pronto Benjamin Cahill. Partita combattuta, giocata su ritmi veloci. Al 27' bella manovra dei NAM, con David Santos che allarga sulla destra per il capitano Nicholas Nelson, il quale serve un pallone perfetto in mezzo all'area a Jeffrey Eirvin. L'esterno sinistro, però, invece di appoggiare in rete con un facile piattone, cicca il pallone che finisce a lato. Il portiere Moe Naing ringrazia Dio.

Il secondo tempo sarà a lungo un assedio dell’Urbano, che non troverà mai la serratura per varcare la porta del North American College.  Bella punizione di Mballa Mebenga che al 1' impegna Cahill. È ancora lui, al 6', a mettere i brividi ai Martyrs, con un potente destro da posizione ravvicinata che finisce sull'esterno della rete. Spinge il Collegio Urbano, che meriterebbe il pareggio. Arretrano i NAM, sempre attenti in difesa. Al 12' Onismo Makova, dopo un lancio al bacio dalla difesa, si trova solo davanti al portiere avversario ma sbaglia il controllo del pallone, perdendolo. Ad un quarto d’ora dal termine entra in campo mister Koetlisi nell'Urbano, per provare il tutto per tutto nelle residue speranze di riagguantare iil derby del colle gianicolense. Al 17' bel destro di Sieland, che per poco non sorprende Cahill. Gara a senso unico, con qualche allegerimento ed un doppio errore di Eirvin sui contrattacchi statunitensi. Al 23' ancora occasione sprecata per i gialli. Koetlisi dalla sinistra serve il pakistano Bhatti Aamir che, solo davanti al portiere, svirgola e spara al lato. Finalmente gli americani si svegliano dal letargo. Un minuto dopo pecca di imprecisione Andrew Mattingly che in contropiede, servito da un bellissimo lancio di Barakat (il Del Piero della Clericus Cup), calcia a lato graziando Moe Naing. Un minuto dopo è Santos che potrebbe chiudere la partita, ma anche lui sbaglia. Al 26' è ancora Mattingly a vanificare un prezioso suggerimento di Santos: poteva tirare in porta o servire un compagno solo in mezzo all'area, invece improvvisa  un incomprensibile traversone che si spegne sul fondo. L’Urbano sembra aver perso le forze e la discesa sulla sinistra a un minuto dalla fine del camerunense Jean Marie Voundi, con tiro di poco alto, è quella della resa. Si spengono qui le speranze di un Collegio Urbano volenteroso che non ha per niente demeritato.  Escono a testa alta i gialli, applauditi dal loro allenatore Koetlisi. L'emozione più grande, per lui, arriverà tra poche ore con l'ordinazione sacerdotale. "Peccato, con la sconfitta mi hanno tolto la doppia celebrazione", sorride a fine partita. Il compagno Sieland cerca di consolarlo: "Spero che non ti abbiamo rovinato la giornata". Per lui è stata l'ultima partita con la maglia dell'Urbano: "Tra tre mesi divento sacerdote, poi torno a casa in Papua Nuova Guinea", ci dice con un filo di emozione. Quarta finale nelle ultime 5 edizioni della Coppa con il Saturno per gli statunitensi che vogliono bissare lo scudetto clericale dell’anno scorso. Santos a fine partita è felice e lancia un tweet di sfida ai neocatecumenali. Chi vorrebbe affrontare in finale? "La Redemptoris Mater, visto che negli anni scorsi ci hanno battuto in finale per due volte". I compagni di squadra approvano: vogliono la rivincita. Purtroppo o per fortuna il Red Mat non riuscirà nella seconda semifinale ad eliminare il Mater Ecclesiae… ma il sogno del bis sussiste per i ragazzi di Mons. Checchio, rettore del seminario ‘stars and stripes’.

 

Segui la Clericus Cup su "Non Solo Sport", in onda la domenica alle 9.30 e il lunedì alle 11.35 e 18.35 su Radio Vaticana Italia

 

Photo Gallery

Guarda i paesi che partecipano alla Clericus Cup

La Clericus Cup è ogni lunedì di marzo su Tv 2000 alle ore 19 all’interno di Sport2000