top tartufo in tavola
Torna alla Home Page Mettiti in contatto con noi
  • Semifinali senza Mater
    Semifinali senza Mater
    Eliminato ai rigori dai campioni dell'Urbano anche l'Ecclesiae, lutto al braccio per il seminarista morto a Pasqua. 'Remuntada' Gregoriana, 2-1 sull?OMI. Non basta il sindaco di Chapec˛ agli Amici della Chape: passa il Sedes. I Martyrs Usa superano San Guanella
  • Una finale mai vista
    Una finale mai vista
    Il Mondiale della Chiesa 2018 se lo contenderanno North American Martyrs e Pontificio Collegio Urbano. Sabato 26 maggio sarÓ una finale inedita per il 12░ campionato pontificio promosso dal Csi. Nelle due semifinali di oggi gli statunitensi hanno superato 4-2 il Sedes Sapientiae mentre i campioni in carica del Collegio Urbano hanno liquidato 3-0 la Gregoriana
  • La Clericus da Francesco
    La Clericus da Francesco
    Mercoledý 23 maggio il Mondiale di calcio per sacerdoti e seminaristi in udienza a S. Pietro. I capitani delle due squadre finaliste omaggeranno Francesco con le rispettive maglie, Dopo il saluto la benedizione del pallone della finale e della Coppa con il Saturno. Presenti rettori e capitani delle 16 squadre del campionato pontificio promosso dal Csi. Sabato 26 maggio la finale Urbano-Martyrs in radiocronaca diretta su Radio Vaticana Italia.
  • Ecco i quarti. In campo il 14 aprile
    Ecco i quarti. In campo il 14 aprile

Magic Matic!
╚ Grigoriana!


pubblicato il 13/05/2017

Nella prima semifinale della Clericus Cup passano dal dischetto gli amaranto. Magia del croato Matic, pareggio allo scadere di Corona. Poi fatali gli errori ai rigori dello stesso Corona e di Tisato. Amaranto in finale. Gol da mezzo mondo. A segno dagli 11 metri uno spagnolo, un nigeriano, un olandese, un tedesco, un polacco e un italiano

 


 


 


 


 




Redemptoris Mater - Gregoriana 3-5 (dcr, 1-1 ftr).

Marcatori
: 16' st Matic (GRE), 29' st Corona (RED).


Redemptoris Mater (4-4-2): Paganizza; Silvestri, Santoprete, Tomarelli, Tisato; Cruz (Montori), Corona, Castro Arias, Acebal; Kouadio-Payne, Karpuk.

Allenatore: Santarelli.

Gregoriana (3-5-2): Richter; Suciu, O'Donnell (Fara), Angius; Kotonovics, Hoogma, Klur, Wrobel (Matic; Alagbaoso), Amooah (Faltak); Paver, Duarte.

Allenatore: Caioli.


Servono i calci di rigore alla Gregoriana per vincere la battaglia contro il Redemptoris Mater, conquistando la finale. Battaglia, perché è stata una semifinale molto combattuta, in campo e in panchina. Una sfida fisica e nervosa, più che spettacolare. Poche le emozioni in campo, tanti i momenti di tensione, sfociati in abbracci e complimenti reciproci solo nel terzo tempo finale. La posta in palio del resto era alta, tra due squadre forti e orgogliose, orfane dei propri bomber: il gialloblù Emanuele Sacco e il francosenegalese Maturin Sadio erano infatti fermi ai box per infortunio.

La Gregoriana si è illusa con una magia del serbo Zlato Matic a metà del secondo tempo, ma un'incornata di Stefano Corona, capitano gialloblù, all'ultimo minuto, l'ha riportata sulla terra. Per spiccare il volo verso la finale gli amaranto hanno dovuto attendere i tiri dal dischetto, ringraziando Corona e l'ex Davide Tisato per gli errori. Impeccabili, invece, i gesuiti.

La partita. Buon avvio dei neocatecumenali, schierati con un 4-4-2 "all'occorrenza 4-3-3", come spiega mister Santarelli, con l'ivoriano Innocent Kouadio-Payne e il polacco Jakub Karkup punte fisse. Dopo quattro minuti Red Mat vicino al vantaggio con un colpo di testa a girare di Kouadio-Payne, che sfiora il palo.

All'8' ci prova Tisato con un tiro a girare impreciso. Il forte sacerdote clivense, ex di turno, gioca come libero. La Gregoriana appare in difficoltà, tanto che dopo appena dieci minuti mister Caioli chiama il timeout e rivoluziona la squadra. Konrad Wrobel, polacco, e Joseph O'Donnell, scozzese, lasciano il posto ai big partiti dalla panchina, il beniniano Wilfried Fara e il croato Zlato Matic. Gli amaranto abbandonano lo sperimentale 3-5-2, tornando al più equilibrato 4-4-2, con Matic e il portoghese Rosado Duarte in tandem offensivo. E le cose migliorano, tanto che la supremazia in campo si rovescia. Guizzo di Duarte al 23', ma il suo tiro è ribattuto da Tisato in angolo. Al 27' botta da fuori dell'inglese Mark Paver, palla di poco alta. Stavolta è il Redemptoris Mater a chiamare il timeout. Nel finale di tempo Duarte vicino al gol. Centrale e debole invece la punizione del tedesco Jonas Klur. Brutte notizie per Caioli: uno strappo muscolare costringe l'inglese Mark Paver a lasciare il campo. Al suo posto il cileno portafortuna Daniel Prieto.

La ripresa si apre con una punizione per parte, ma sia la conclusione di Klur, sia quella di Karpuk non destano problemi. L'altra punizione di Klur, al 10', sfiora invece l'incrocio. La partita si innervosisce, con molti falli da una parte e dall'altra. Al 15' ennesima punizione della gara, ma il tiro di Karpuk finisce alle stelle.

Al 16', a sorpresa, magia di Matic che porta in vantaggio la Gregoriana, con un piattone a volo che si insacca nell'angolino su pennellata di Klur da una punizione da destra. Applausi, per uno dei gol più belli della Clericus di quest'anno.

Comincia l'assalto alla caccia del pareggio, nemmeno troppo irruento a dire il vero, del Red Mat, con i tiri di Corona che trovano però attento il portiere magiaro Matjas Richter. Prova a chiuderla il nigeriano Emmanuel Alagbaoso, ma il suo colpo di testa finisce a lato.

Al 29', ormai insperato, arriva il pareggio di Corona che schiaccia di testa su angolo facendo esplodere i tifosi gialloblù sugli spalti.

Si va ai rigori, quando Caioli e Panichi stavano già pregustando la vittoria. Corona sbaglia il primo rigore (grande parata di Richter) dimostrandosi croce e delizia del Red Mat. Klur trasforma. Per il Red Mat sbaglia anche Tisato, che colpisce la traversa. Per la Gregoriana va in rete l'olandese Remco Hoogma: 1-3. In gol Karpuk per il Red Mat e Angius per la Gregoriana. Il difensore veneziano non perde lucidità di fronte al tentativo degli ultras avversari di "corruzione" ("facciamo gli esami al posto tuo se sbagli") e di Sacco, in stampelle dietro la porta, di portargli sfortuna ("tranquillo, tanto non sbagli mai"). In gol anche lo spagnolo David Acebal per il Red Mat, ma è inutile. La palla della vittoria per la Gregoriana va sui piedi di Alagbaso che, con freddezza, spiazza Paganizza e dà il via alla festa amaranto.

Stremato ma felice mister Caioli: "È stata una vera e propria battaglia, loro sono stati bravi, ora proviamo a vincere lo scudetto". Il suo vice Panichi, sanguigno come sempre, esalta Caioli: "È un allenatore vero, deve puntare più in alto di un semplice campionato tra sacerdoti". Poi ringrazia Angelo Di Livio: il vecchio "pendolino" sulla fascia di Juventus e Fiorentina, suo amico, aveva inviato un messaggio di auguri alla Gregoriana. Poi Panichi ringrazia Dio "per avermi dato l'occasione di partecipare alla Clericus Cup, l'università Gregoriana, padre Lino, Paolo Basile, il Gospa e sua eccellenza Domenico Sigalini, vescovo di Palestrina".

Matic, senza il pareggio di Corona, sarebbe stato il man of the match: "Sì, ho fatto un gol bellissimo, ma è merito anche del passaggio di Jonas. Ringrazio Dio che siamo in finale".

Deluso, ma orgoglioso dei suoi, mister Santarelli: "È stata una bella partita, ai miei ragazzi ho fatto i complimenti perché abbiamo fatto tutto il possibile, ma i rigori sono una lotteria. Usciamo a testa alta".


 


Fotogallery

Semifinale | Gregoriana - Red Mat 5-3 (1-1 dtr)

Segui la Clericus Cup su "Non Solo Sport", in onda la domenica alle 9.30 e il lunedì alle 11.35 e 18.35 su Radio Vaticana Italia

Photo Gallery

Guarda i paesi che partecipano alla Clericus Cup

La Clericus Cup è ogni lunedì di marzo su Tv 2000 alle ore 19 all’interno di Sport2000

Vai alla rassegna stampa

cheap bags