top tartufo in tavola
Torna alla Home Page Mettiti in contatto con noi
  • Una finale mai vista
    Una finale mai vista
    Il Mondiale della Chiesa 2018 se lo contenderanno North American Martyrs e Pontificio Collegio Urbano. Sabato 26 maggio sarà una finale inedita per il 12° campionato pontificio promosso dal Csi. Nelle due semifinali di oggi gli statunitensi hanno superato 4-2 il Sedes Sapientiae mentre i campioni in carica del Collegio Urbano hanno liquidato 3-0 la Gregoriana
  • Heavenly Martyrs!
    Heavenly Martyrs!
    I North American Martyrs battono in finale il Collegio Urbano ai rigori e vincono la Clericus Cup 2018. Per gli statunitensi è la terza Coppa con il Saturno della storia del Mondiale della Chiesa. Decisivi i tiri dal dischetto dopo una partita spettacolare finita 0-0. Di capitan Nyce il penalty che ha fatto esplodere la festa a stelle e strisce. SuperNAM!
  • La firma del Papa sulla Clericus 2018
    La firma del Papa sulla Clericus 2018
    Per la prima volta in 12 anni il Papa ha ricevuto la delegazione della Clericus cup, il mondiale del Vaticano, e benedetto il pallone con cui il 26 maggio verrà disputata la finale tra North American Martyrs e Collegio Urbano. Con loro don Alessio Albertini, consulente ecclesiastico del Csi che promuove il torneo. Francesco dopo l'udienza ha autografato alcune maglie e spronato i sacerdoti-calciatori
  • La Clericus da Francesco
    La Clericus da Francesco
    Mercoledì 23 maggio il Mondiale di calcio per sacerdoti e seminaristi in udienza a S. Pietro. I capitani delle due squadre finaliste omaggeranno Francesco con le rispettive maglie, Dopo il saluto la benedizione del pallone della finale e della Coppa con il Saturno. Presenti rettori e capitani delle 16 squadre del campionato pontificio promosso dal Csi. Sabato 26 maggio la finale Urbano-Martyrs in radiocronaca diretta su Radio Vaticana Italia.

La Clericus Cup ante Champions


pubblicato il 30/05/2017

In campo amichevole fra seminaristi e preti calciatori e tifosi. Real ?Juve in Vaticano finisce 4-3 ai rigori. Il Csi: ?Il calcio e lo sport come momento di incontro fra le diversità e di fratellanza?

Real Madrid – Juventus: 4-3 ai rigori. Né un annuncio, né un presagio o pronostico per la prossima finale di Champions League, ma semplicemente il risultato scaturito oggi nel match amichevole disputato sui campi della Clericus Cup, la Champions del Vaticano. Neanche il tempo di aver visto assegnata dal Csi la Coppa con il Saturno – finita, dopo il 2-0 di sabato scorso sulla Gregoriana, nelle teche del Pontificio Collegio Urbano - che dei sacerdoti e seminaristi internazionali, hanno voluto di nuovo scendere in campo, per giocare in anticipo la finale di Cardiff. Ecco che proprio sul campo del Collegio Urbano, il Dicastero Missionario della Santa Sede neocampione nel 2017, accomunati dalla fede cristiana, ma divisi questa volta dal tifo - madridisti, da un lato, juventini dall’altra – si è presto accesa la supersfida europea. Cinque contro cinque, stavolta, a due passi da Piazza San Pietro, con il Cupolone gran spettatore d’eccezione, sono scesi in campo una ventina di religiosi, supporters delle due finaliste a Cardiff. Un modo, questo, per sottolineare ancora una volta come il calcio possa essere un momento di incontro fra le diversità e confronto all’insegna della amicizia e della fratellanza, rendendo onore alla frase di Papa Francesco che il Csi in questa stagione ha fatto campeggiato per tre mesi sulle maglie del torneo calcistico ecclesiastico “Mettiamoci in gioco nella vita come nello sport”. Così per gioco, per passione e per amicizia, dopo le foto e una preghiera di rito, di nuovo tutti in campo, per difendere i colori della squadra del cuore. In vantaggio la Juventus al primo tempo con rete dell’etiope Ephrem Tadesse (sembra Kean si grida a bordo campo), attaccante dei Missionari della Consolata. Nella ripresa arriva il pareggio dei don “blancos”. In rete il siriano gregoriano Aram Sado, finalista nella vera finale della Clericus. Nei supplementari avanti il Real ancora con il gesuita Sado, che nell’occasione si beve l’amico, compagno di squadra in Gregoriana, Angius (“Leo” come Bonucci). Nel finale anche qui come nella Clericus torna il ruggito dei leoni del Collegio Urbano. È infatti il padrone di casa, il nigeriano Mathias Adugba, a realizzare il 2-2. L’arbitro dell’incontro, De Vito del Csi Roma, indica il dischetto per i calci di rigore. Dei cinque bianconeri, realizza il solo don Neymar centrocampista del Pio Brasiliano, mentre per il Real a segno due sudamericani, il venezuelano Oscar Mogollon e l’argentino Nelson Stanulis, entrambi sacerdoti del Collegio Altomonte e tifosissimi del Real. Fischio finale con rintocco di campane. Chi ha la veste bianca intona allora cori ed inni per il Madrid. Sudati e affatto abbattuti gli juventini, che confidano a detta loro, sabato 3 giugno sarà vigilia di Pentecoste, tanto sulle bibliche lingue di fuoco quanto sulla dignità e sul venerabile stato di grazia del tridente di Allegri.





Segui la Clericus Cup su "Non Solo Sport", in onda la domenica alle 9.30 e il lunedì alle 11.35 e 18.35 su Radio Vaticana Italia

Photo Gallery

Guarda i paesi che partecipano alla Clericus Cup

La Clericus Cup è ogni lunedì di marzo su Tv 2000 alle ore 19 all’interno di Sport2000

Vai alla rassegna stampa

cheap bags