top tartufo in tavola
Torna alla Home Page Mettiti in contatto con noi
  • La firma del Papa sulla Clericus 2018
    La firma del Papa sulla Clericus 2018
    Per la prima volta in 12 anni il Papa ha ricevuto la delegazione della Clericus cup, il mondiale del Vaticano, e benedetto il pallone con cui il 26 maggio verrà disputata la finale tra North American Martyrs e Collegio Urbano. Con loro don Alessio Albertini, consulente ecclesiastico del Csi che promuove il torneo. Francesco dopo l'udienza ha autografato alcune maglie e spronato i sacerdoti-calciatori
  • Una finale mai vista
    Una finale mai vista
    Il Mondiale della Chiesa 2018 se lo contenderanno North American Martyrs e Pontificio Collegio Urbano. Sabato 26 maggio sarà una finale inedita per il 12° campionato pontificio promosso dal Csi. Nelle due semifinali di oggi gli statunitensi hanno superato 4-2 il Sedes Sapientiae mentre i campioni in carica del Collegio Urbano hanno liquidato 3-0 la Gregoriana
  • Heavenly Martyrs!
    Heavenly Martyrs!
    I North American Martyrs battono in finale il Collegio Urbano ai rigori e vincono la Clericus Cup 2018. Per gli statunitensi è la terza Coppa con il Saturno della storia del Mondiale della Chiesa. Decisivi i tiri dal dischetto dopo una partita spettacolare finita 0-0. Di capitan Nyce il penalty che ha fatto esplodere la festa a stelle e strisce. SuperNAM!
  • La Clericus da Francesco
    La Clericus da Francesco
    Mercoledì 23 maggio il Mondiale di calcio per sacerdoti e seminaristi in udienza a S. Pietro. I capitani delle due squadre finaliste omaggeranno Francesco con le rispettive maglie, Dopo il saluto la benedizione del pallone della finale e della Coppa con il Saturno. Presenti rettori e capitani delle 16 squadre del campionato pontificio promosso dal Csi. Sabato 26 maggio la finale Urbano-Martyrs in radiocronaca diretta su Radio Vaticana Italia.

Ameh! E così sia! Vince l'Urbano

COLLEGIO URBANO ? ALTOMONTE 2 ? 0


pubblicato il 26/02/2018

I campioni in carica dei Leoni d'Africa ricominciano la Clericus Cup con una vittoria, il muro dell'Altomonte dura solo un tempo. Del nigeriano Robert Ameh il primo gol dei missionari di Propaganda Fide

COLLEGIO URBANO – ALTOMONTE 2 – 0 

Reti: 39' Ameh, 60' Kayiwa


 


 


 




Collegio Urbano (3-4-1-2): Ndlovu, Dinis, Tibanyendera, Youkoune-Koshy; Ameh, Yai (Nabil), Mbah, Ssekate; Badji; Kayiwa, Biata.

All. Mukendi. 

Panchina: Kougang, Dos Reis da Silva, Nya, Takyi, Arakkal, Yasin, Orsot, Pacheco. 



Altomonte (4-4-1-1): Udoidiong, Caceres, Stanulis, Figuerola, Asare; Okpala (Wandera), Mogollon, Crovetto, Zamudio (Muralles (Ehiemere)); Makgabo (Rodriguez); Hasimana (Frecon). All. Albert. 

Panchina: Kurian, Muncini, Ossandon. 


FOTOGALLERY



Il Collegio Urbano inizia la sua dodicesima Clericus Cup da dove aveva lasciato: vittoria per 2a0, stesso risultato della finale dello scorso maggio, con le reti del giovane Ameh e dell'ugandese Kayiwa. Il muro difensivo dell'Altomonte, infatti, dura solo un tempo, poi la diga innalzata da Figuerola e compagni ha cede. 



Eppure, c'era ottimismo sulla panchina dei sacerdoti dell'Opus Dei, mister Albert: “Ci crediamo, possiamo fare bene. Darò la carica alla squadra per tutta la partita”, così è stato. Albert, allenatore spagnolo e all'occorrenza portiere di riserva dell'Altomonte, è stato di parola e ha incitato i blaugrana per l'intero match. 



Sull'altra panchina, invece, non c'è più Minsi ad allenare, tornato nel “suo” Camerun dopo la parentesi di formazione umana, spirituale, accademica e pastorale nel Collegio Urbano della Capitale. A dirigere i biancogialli troviamo Padre Dieudonnè Mukendi Tshiabola che, armato di ombrello per la copiosa pioggia che si abbatte sul campo del Pio XI, in maniera pacata dispensa direttive ai giocatori pronti a iniziare la partita. 



Cambiato il manico, ma non la sostanza per i Leoni d'Africa, che attaccano e giocano in scioltezza. Tuttavia, il campo è reso pesante dall'acqua caduta, ma sulla panchina dell'Urbano, dove siede e partecipa con entusiasmo anche il nuovo vice Rettore Don Raymond Eche Ogboji, la prendono con ironia: “Le nuove maglie, in effetti, andavano battezzate...”



Il Collegio Urbano gioca bene, aldilà delle condizioni climatiche. A centrocampo può vantare l'innesto di Lino Yai, altissimo, quasi due metri, proveniente dal Sud del Sudan, dalle movenze ricorda Paul Pogba dei Red Devils di Manchester. E' lui che innesta a più riprese le incursioni sulla destra di Ameh, ma i cross del nigeriano non vengono sfruttati a dovere dal veterano Biata e da Kayiwa, tifosissimo della Roma con un passato da rossonero milanista quando si trovava ancora in Uganda. Quando gli avanti dell'Urbano si liberano al tiro, però, vengono ben stoppati dagli interventi prodigiosi del portiere nigeriano Enobong Udoidiong
del collegio di via di Torre Rossa.



Il primo tempo termina a reti inviolate. Alta la soddisfazione di mister Albert. Anche capitan Crovetto, insegnante di Storia della Chiesa e tifoso dell'Athletic Bilbao, incita i blaugrana a non mollare di un centimentro. 



La ripresa ha inizio, il copione non cambia, con l'Urbano rivolto all'attacco e l'Altomonte a respinge le avanzate avversarie. Il gol dei biancogialli vaticani, poi, rischia di arrivare per un rinvio errato di Stanulius, ma il pallone impatta sulla traversa tra l'incredulità degli spettatori. Dalle tribune si alza il coro “Viva Viva Urbano”, la squadra in campo avverte la vicinanza dei tifosi e spinge sull'acceleratore. 

Il match viene sbloccato da Ameh, “San” Pietro, che sfrutta una disattenzione della difesa avversaria e insacca alle spalle del connazionale Udoidiong . 

Mister Albert lancia in campo, a questo punto, l'esperienza di Ehiemere in attacco, sostenuto dalla spinta del francese Frecon. Effimeri, però, gli attacchi alla ricerca del gol del pari da parte dell'Altomonte che, all'ultimo istante di gara, subisce anche il raddoppio con il solito Kayiwa. 

Triplice fischio e festa per i Leoni d'Africa, pronti a ripetere le gesta della passata annata per sollevare a maggio nuovamente la quarta 'Coppa col Saturno'. 

Infine, non dispera bomber Biata per non essere riuscito oggi a segnare: “C'è tempo per fare gol, piano piano. Un po’ di penitenza e digiuno. Il torneo è ancora lungo...”.


Collegio Urbano - Altomonte

Segui la Clericus Cup su "Non Solo Sport", in onda la domenica alle 9.30 e il lunedì alle 11.35 e 18.35 su Radio Vaticana Italia

Photo Gallery

Guarda i paesi che partecipano alla Clericus Cup

La Clericus Cup è ogni lunedì di marzo su Tv 2000 alle ore 19 all’interno di Sport2000

Vai alla rassegna stampa

cheap bags