top tartufo in tavola
Torna alla Home Page Mettiti in contatto con noi
  • Guanelliani e Spagna Che Pasqua!
    Guanelliani e Spagna Che Pasqua!
    Collegio Spagnolo e San Guanella e Amici prime due squadre ad accedere ai quarti di finale della Clericus 2019
  • Messa in gioco
    Messa in gioco
    La Messa Ŕ in gioco. ╚ subito calda la Quaresima dei 360 atleti iscritti alla Clericus Cup 2019.
  • GIOCARE PER CREDERE
    GIOCARE PER CREDERE
    Sabato 30 marzo subito in campo 10 delle 16 squadre del mondiale pontificio. NovitÓ assoluta: due gironi per squadre di sacerdoti e due gironi per i seminaristi.Portoghesi e brasiliani in squadra insieme; i francesi con i belgi. Sabato 1░ giugno le finali
  • ALTOMONTE CHE SORPRESA!
    ALTOMONTE CHE SORPRESA!
    Undici reti, due rigori falliti, e ancora due espulsioni nel secondo sabato della Clericus Cup. Eliminata la Consolata Missionari.

Sogno americano, Rabbia Sedes!


pubblicato il 5/12/2018

I Martyrs statunitensi superano il Sedes Sapientiae dopo una scoppiettante semifinale. Doppietta per Paul Flo Flo Floersch

 


 


 


 


 


 


Sedes Sapientiae - North American Martyrs 2-4


 


Marcatori: 15' Floersch (NAM), 28' Guo (SED), 29' Klein (NAM), 3' st Floersch (NAM), 12' st Carmona Espinosa (SED), 29' st Poje (NAM)


Sedes Sapientiae (4-4-2): Kabomo; Mshana, Lusato, Filipovic, Geranaj; Funari Fouto, Parra Marin (Medved) , Hernandez Treviso, Cabase (Carmona Espinosa); Guo, Nyamwihula. 


Allenatore: Huerta. A disp: Capeta, Marfo, Lopez Isidro





North American Martyrs (4-2-3-1): Cieslak; O'Connor, Pankratz, Auer (Hokamp), Wratkowski; Nyce, Frei, Klein, Hoye; Floersch, Poje. 


Allenatore: Olson. A disp.: Gallagher, Hannegan, Pince, Cwik, Rankin, Busse.



Let's go Martyrs! I NAM volano in finale, lanciano la sfida ai campioni del Collegio Urbano e sognano il "triplete". Il Sedes Sapientiae si arrende, non senza qualche recriminazione arbitrale, e, anche quest'anno, niente scudetto. La squadra di mister José Huerta ha sempre partecipato al torneo ma non è riuscita mai a conquistare la Coppa con il Saturno, né mai una finale.


Più forti gli statunitensi che, come sempre, fanno del gruppo la loro forza. Non male i biancorossi crociati del Sedes a cui, però, manca sempre qualcosa per il salto di qualità.


La vittoria dei NAM è arrivata alla fine di una partita bellissima, ricca di colpi di scena e, fino al 4-2 finale firmato Poje, mai davvero chiusa.


Atmosfera caldissima anche sugli spalti. Fianco a fianco i tifosi del Sedes e quelli statunitensi che, prima della gara, cantano l'inno nazionale USA. Clima infuocato, con cori che si sovrappongono per tutta la partita.


Primo sussulto della gara al 3', con la punizione centrale debole del croato del Sedes Matej Filipovic. Al 6' pericolosi i NAM. Paul Floersch si invola sulla destra, palla in mezzo, botta di Tony Klein, palla di poco a lato. A metà del primo tempo la partita si sblocca. Fallo di mano in area, dubbio e contestato, di Filipovic. L'arbitro però non ha dubbi e assegna il rigore. Floersch va sul dischetto, il portiere Kabomo respinge ma lo stesso numero 9 è lesto a ribattere in rete per il vantaggio a stelle e strisce. Martyrs a un passo dal raddoppio un minuto dopo, in una mischia spettacolare che vede prima il tanzanese Kabomo (con una parata da applausi) poi due difensori salvare sulla linea mantenendo in piedi il fortino del Sedes. Partita molto bella sia in campo sia sugli spalti. In difficoltà il Sedes, che a sorpresa trova però il pareggio al 28' con il ghanese Bebe Guo, in un classico contropiede; si invola verso la porta americana e batte Cieslak. Ma è solo un'illusione. Palla al centro, i NAM conquistano subito un corner e Klein, il ragazzone del South Dakota Sioux / Falls con un piattone, insacca e riporta in vantaggio i suoi.


Inizia la ripresa e i Martyrs calano il tris ipotecando la finale: segna di nuovo Floersch, primo anno di Clericus, per il seminarista dal Nebraska.


Il Sedes sembra mollare e O'Connor sfiora il poker con un tiro a volo alto. Un minuto dopo, invece, guizzo del messicano Ceferino Carmona che batte Cieslak e la riapre: 2-3. Rovesciamento di fronte e Hokamp, servito da Floersch, sfiora il poker. Ma il Sedes ci crede e comincia l'assalto. Ci provano Guo e il tanzanese Deogratias Nyamwihula. I NAM, invece, sprecano con i tiracci di Hokamp e Poje. Nel finale la gara si infiamma. Nyamwihula si invola da solo centralmente verso la porta di Cieslak e viene atterrato da Pankratz. Mister Huerta sbraita dalla panchina e reclama l'espulsione per fallo da ultimo uomo ma l'arbitro si limita al cartellino giallo per il difensore americano. Parra Marin non trova la rabbia giusta e spara in alto la successiva punizione da buona posizione. Poi, allo scadere, Kyle Poje in contropiede cala il poker e può cominciare la festa statunitense che accompagnerà per 15 giorni il sogno americano.


Padre José Huerta, guida tecnica e spirituale del Sedes lancia la preghiera nel terzo tempo finale, consola i suoi e si sfoga: "Non mi dispiace perdere in condizioni normali, ma mi dispiace perdere per colpa dell'arbitro". Il riferimento è al rigore, secondo lui inesistente, e alla mancata espulsione di Pankratz.


Gioia tra gli statunitensi. "Grazie a Dio!", esclama Floersch, più bravo a fare gol che a parlare italiano. "Siamo contentissimi per questa vittoria. Con il Collegio Urbano abbiamo perso nel girone, proveremo a vincere in finale". Soddisfatto anche mister Drew Olson: "Abbiamo fatto quello che dovevamo fare, siamo stati molto compatti contro una squadra forte. Con l'Urbano è sempre una partita difficile, speriamo di vincere insieme ai nostri tifosi Super Martyrs".


 


Sedes - NAM 2-4

Segui la Clericus Cup su "Non Solo Sport", in onda la domenica alle 9.30 e il lunedì alle 11.35 e 18.35 su Radio Vaticana Italia

Photo Gallery

Guarda i paesi che partecipano alla Clericus Cup

La Clericus Cup è ogni lunedì di marzo su Tv 2000 alle ore 19 all’interno di Sport2000

cheap bags